Archivi autore: Francesca Susani

Informazioni su Francesca Susani

Laureata in Scienze Politiche, collabora con l'IRS dal 1996, occupandosi principalmente della rivista Prospettive Sociali e Sanitarie, di cui è caporedattore. Come responsabile della rivista segue anche tutto ciò che la concerne, quindi la collana "i Quid", il sito, la versione digitale della rivista, il blog "Scambi di Prospettive". Collabora, inoltre, per gli aspetti più organizzativi, al Progetto Welforum, Rete per le politiche sociali delle Regioni, delle Province autonome e dei grandi Comuni.

Promuovere innovazione nel welfare territoriale premiando lo sviluppo dinamico e comunitario

di Ugo De Ambrogio e Francesca Susani*

Si conclude la seconda edizione del Premio Cnoas-IRS-PSS “Costruiamo il Welfare dei diritti sul territorio” con la raccolta dei contributi premiati, e già pubblicati nel corso del 2017 su PSS, in un unico Quid Album disponibile in pdf in vendita sul sito di PSS. Presentiamo qui l’articolo di introduzione al Quid [1].

La premiazione si terrà domani, mercoledì 25 ottobre, in occasione del Convegno Cnoas: “Politiche sociali, professionisti e percorsi per un futuro. Costruire una Alleanza per i diritti sociali e l’equità”.

“Costruire il welfare nei territori” è una piccola ma significativa iniziativa che si colloca in un contesto nazionale definito “in crisi” da oltre 10 anni. Al di là dei timidi segnali di miglioramento degli ultimi mesi, è infatti evidente che quella che ci ostiniamo a chiamare “crisi” è una condizione stabile e non transitoria. Tuttavia, dopo una fase di stallo, dovuta al “trauma” legato all’improvviso aumento del bisogno sociale e alla parallela diminuzione delle risorse, i sistemi di welfare sono andati riattrezzandosi, indirizzandosi verso forme di cambiamento e sviluppo innovativo che prefigurano modelli molto diversi da quelli dominanti a inizio del secolo. Continua a leggere

“I miei bambini hanno i superpoteri. Storia della nostra dislessia”

9788820061371_0_0_300_80

di Francesca Susani*

Ho letto molto volentieri nei giorni scorsi questo libro di Carlotta Jesi, che conosco come fondatrice di Radiomamma e che ho avuto il piacere di incontrare più volte in passato.

L’autrice ci accompagna in una personale scoperta della dislessia dei suoi figli, portandoci a conoscere questa “condizione” (come la trovo definita cercandola su Wikipedia) che non è semplicemente “un disturbo dell’apprendimento”, una difficoltà a scrivere, o leggere,  ma un modo di essere, un modo diverso di vedere e capire le cose, un modo creativo per affrontarle. Continua a leggere

Ricordati dei fiori

Continua a leggere

La Famiglia Belier

di Francesca Susani *

51040Weekend lungo al mare, nel piccolo cinema di paese, che più che un cinema sembra un salottino dove ritrovarsi con i compagni di spiaggia, danno “La Famiglia Belier“, che non ero riuscita ad andare a vedere in città.
Ci trascino tutta la famiglia, compresa mia madre e l’amico di mio figlio maggiore, in trasferta con noi. Tre generazioni quindi: gli adulti ne usciranno con gli occhi lucidi, i fanciulli forse con qualche pensiero in più su cui riflettere.

E’ un film sulla famiglia… Sulla fatica del distacco. Solo che la famiglia in questo caso è sordomuta: padre, madre e il fratello minore di Paula Belier, che sordomuta non è e che si arrabatta tra l’aiutare nell’azienda agricola di famiglia, fare da tramite con il mondo per i suoi genitori, e vivere la sua vita da adolescente, con i suoi studi, le sue amicizie, le sue passioni, i suoi amori.
Un tema classico, l’avevamo già trovato in Billy Elliot: insegnante di paese (questa volta di musica) scopre dote particolare in giovane allieva (questa volta la voce) e le propone di portarla lontano, a Parigi, lontano dalle sue mucche, dai suoi formaggi, dalla sua famiglia. Continua a leggere

Io sto con la sposa

di Francesca Susani *

IO_STO_CON_LA_SPOSA_poster_70x100_0C’è un gruppo che festeggia di notte in una piazza deserta di Stoccolma, in Svezia…

C’è una sposa in mezzo a loro… Sembra festeggino un matrimonio.

Stanno festeggiando si, ma non un matrimonio, festeggiano la realizzazione di un altro sogno… Più grande…  oserei dire più importante.

Sono un gruppo di profughi palestinesi e siriani che hanno appena passato l’ultima frontiera per raggiungere il paese che sanno essere il più disponibile ad accogliere rifugiati politici: la Svezia.
Ma non hanno pagato dei contrabbandieri per portarli fino a qui… hanno trovato degli amici, amici che hanno rischiato la prigione per poterli aiutare. Continua a leggere