Giornata mondiale del servizio sociale 2014: le soluzioni del servizio sociale alla crisi economica e sociale

2014-03-06_165018Il 18 marzo (domani) sarà la giornata mondiale del servizio sociale.

Il tema di quest’anno si basa sulle celebrazioni del 2013 e presenta le soluzioni del servizio sociale alla crisi economica e sociale.
Per la campagna è stato disegnato un poster in cui sono sono raffigurate cinque magliette. Ognuna di esse  indica una soluzioni proposta dal servizio sociale alla crisi. Le magliette sono usate nelle campagne di tutto il mondo.

In questi mesi mi è capitato di notare la vivacità del mondo degli assistenti sociali, proprio a partire da un utilizzo dei social network, che contribuisce a tenere viva e vitale la comunità professionale.

Pagine e gruppi facebook presentano iniziative formative, incontri, riflessioni, domande che attraversano il mondo degli assistenti sociali. Avvicinano generazioni di professionisti e contribuiscono ad accompagnare il cambiamento della professione, cambiamento associato alla crisi, di cui anche in Scambi abbiamo ampiamente scritto: tra tutti risegnalo La professione dell’assistente sociale tra stabilità e cambiamentoL’operatore sociale smarrito, nell’epoca delle grandi “crisi”.

Gruppi e pagine facebook come comunità professionali

Ma torniamo ai gruppi e alle pagine facebook (mi concentro su facebook, ma potrei riprendere anche gruppi Linkedin…). Nel giro di poco tempo, a partire da specifiche e singole iniziative molto note. Una fra tutte quella del professor Paolo Ferrario che ha costruito diversi strumenti di diffusione del proprio lavoro e dei contenuti delle politiche sociali: 1. Blog di ricerca http://mappeser.com/, 2. Blog didattico http://aulevirt.wordpress.com/, 3. Sito www.segnalo.it,
4. Pagina facebook https://www.facebook.com/politicaDeiServiziSociali. La sua pagina facebook ha ben 2.358 membri che crescono di giorno in giorno e che partecipano alle attività di diffusione: sono molti studenti ed ex studenti che iniziano a lavorare o sono in cerca di lavoro.

Ma anche gli altri gruppi e le altre pagine raccontano di storie singole e collettive, di una necessità di raccontare in modo diverso dalla cronaca la professione di assistente sociale, provando a mettere al centro competenze, esperienze, professionalità in azione soprattutto nei momenti più difficili della vita delle persone. Chi si rivolge al servizio sociale, spontaneamente o su segnalazione di altri, non vive certamente una situazione semplice. Il servizio sociale è esposto alle difficoltà e alle crisi degli altri, mentre si vede costretto a fronteggiare una propria crisi, legata questa alle politiche, alle risorse, ai cambiamenti repentini a cui la società contemporanea è sottoposta.

Domani presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca (e in tutti gli altri atenei) immagino tutte queste realtà e comunità professionali “virtuali” radunate in un incontro importante, un incontro in cui potranno confrontarsi sul piano delle politiche e delle iniziative fino ad ora portate avanti.

Alcune segnalazioni di gruppi e pagine di assistenti sociali:

Studente di servizio sociale

Assistenti sociali webtv

Assistenti Sociali S.O.S Servizi Sociali Online

ASSISTENTI SOCIALI

Assistenti Sociali Senza Frontiere

Ho il sociale in testa (e blog già linkato da Scambi)

Pensieri Sociali (e blog di Chiara Biraghi)

Assistentisociali.org

Infine questa interessante pagina “Chi sono gli assistenti sociali” in cui in molti hanno lasciato testimonianza su chi e cosa fa l’assistente sociale, o su ciò che non è un assistente sociale.

Buon 18 marzo allora a tutti! Che sia un incontro proficuo sotto tutti i punti di vista!